Chi sono

Foto di rachele baldelli counselor professionale

Mi chiamo Rachele Baldelli,

sono una Counselor Professionale ed esperta in comunicazione. 

Vivo e lavoro a Bologna.

Mi sono laureata nel 2006 in Scienze della Comunicazione, spinta dall’interesse verso la comprensione delle relazioni umane e la comunicazione interpersonale. Ho poi incontrato il counseling e nel 2014 ho intrapreso la mia formazione in quest’ambito con un Master universitario in Counseling Sanitario di due anni presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Bologna, seguito da un Master in Counseling Umanistico Esistenziale Integrato presso AICIS di Bologna.

Bussola orientamento percorso di counseling

Al termine di questa formazione, mi sono iscritta all’associazione di categoria Assocounseling (REG-A2003-2017) con la qualifica di Professional Counselor certificata, nel rispetto della legge 14 n° 4  Gennaio 2013.

Sto attualmente frequentando il CdL in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l’Università Unimore (Modena e Reggio Emilia).

In questi anni ho partecipato a convegni e seminari formativi esperienziali-intensivi con psicologi e psicoterapeuti (“Approfondimento sull’Enneagramma“, “Vecchie e nuove dipendenze“, “L’intenzione e le sue forme, tra filosofia gestalt e arte: il linguaggio della mediazione artistica“, “Arte terapia e relazione di aiuto“). La mia formazione personale e professionale è continua e permanente.

Sostengo e aiuto a scoprire bisogni e risorse, a ristabilire benessere e a sviluppare consapevolezza per l’autodeterminazione.

Svolgo professione privata, con incontri individuali e di gruppo.

Mi occupo di Comunicazione Empatica, anche come Tutor didattico universitario (attualmente presso il Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna), con particolare riferimento alla Comunicazione Non Violenta di Rosenberg.

Collaboro con varie Associazioni del territorio, con workshop di gruppo per adulti (su varie tematiche) e laboratori per adolescenti e ragazzi in scuole pubbliche. Ho progettato e condotto nel 2017 e 2018 uno Sportello d’Ascolto di Counseling presso gli spazi di Fermo Immagine del Quartiere Savena di Bologna.

Il mio orientamento teorico

Il mio quadro di riferimento teorico-applicativo si sviluppa sui principi fondamentali dell’indirizzo fenomenologico-esistenziale della psicologia umanistica. Nello specifico mi rifaccio all’approccio non-direttivo centrato sulla persona di Carl Rogers, alla prassi semi-direttiva ed espressiva della Gestalt (Pearls) e alla psicologia esistenziale di Rollo May.

L’ approccio umanistico-esistenziale pone l’essere umano al centro: protagonista è infatti la persona, il suo vissuto, il significato che la stessa persona gli attribuisce. In questo modo si valorizzano l’autorealizzazione, la creatività e le scelte, relegando in un ruolo secondario sia le interpretazioni che il comportamento manifesto. 

L’ approccio gestaltico considera importante l’intera esperienza di vita di una persona: fisica, psicologica, intellettuale, emotiva, relazionale e spirituale. La Gestalt (“mettere in forma, dare una struttura significante”) si occupa soprattutto di osservare e verificare la consapevolezza del processo dei pensieri, sentimenti e azioni di un individuo, prestando maggiore attenzione al “qui ed ora”, al “cosa” e al “come”, piuttosto che al “perché” di un’azione o di un comportamento. La consapevolezza del come qualcosa avviene, infatti, conduce più facilmente alla possibilità di compiere un cambiamento responsabile.

Il counseling integrato comprende, inoltre, contributi significativi dell’Analisi Transazionale e dell’Approccio Cognitivo Comportamentale, per sviluppare a livelli ottimali le potenzialità cognitive ed emotive personali ed interpersonali.